spot1gigi

Onorare la tradizione e dire qualcosa di personale. Sembrano due concetti immiscibili, come acqua e olio: come si fa a essere personali se “ci tocca” seguire la tradizione? Eppure chiunque ami andare al ristorante sa che la cosiddetta tradizione rivisitata costituisce parte cospicua del bagaglio di conoscenze di un cuoco. Difficilmente, però, a qualcuno verrebbe in mente di fare un discorso del genere riguardo un produttore o uno stagionatore di formaggi.

10344095_4518010643638_3041495189080577819_o

Cambiate prospettiva. Fate qualche tornantino in Valle Imagna, una valletta bergamasca che si situa alle spalle del manzoniano Resegone. Fermatevi nella bottega di Gigi. Pierluigi Dolci è il suo nome, ma per tutti è Gigi, “quello dei formaggi”. La sua botteguccia di Sant’Omobono Terme (Bergamo) ha ormai una fama che ha ampiamente travalicato i confini valligiani: Paolo Massobrio, l’autore del Golosario, vademecum fondamentale dei luoghi del gusto italiani, l’ha anche premiata col riconoscimento dell’Artigiano Radioso. E ben a ragione, secondo noi. Artigiano, è artigiano. E radiosa sarà la vostra faccia dopo un assaggio dei suoi formaggi.

10155919_834711103209241_7530803211712012788_n

Gigi è un affinatore. Prende formaggi nati fuori da casa sua, nelle vicinanze ma non necessariamente, e li adotta nella sua famiglia. Poi, li cresce, come ogni bravo genitore. E quando hanno l’età giusta, sono pronti ad affrontare il giudizio del mondo. La vocazione di Gigi, radicata nella sua schiatta fin dall’epoca di suo nonno Vittorio, è stata certamente propiziata dalla sua terra: la Valle Imagna sta incuneata in quel cerchio magico che comprende Valsassina, Val Taleggio e Val Brembana. Come dire, lo Shangri-La, il Paradiso perduto, il Nirvana del formaggio più autenticamente bergamasco. E il formaggio bergamasco più celebre al mondo è il Taleggio. Gigi per il Taleggio ha una venerazione: pur amando anche quello del tipo a pasta cotta, morbido e grasso, la sua vera devozione va al Taleggio a pasta cruda. Quello antico, contadino. Gigi comincia procurandosi delle belle forme di Taleggio. Poi, le custodisce dove sa lui, e le stagiona anche fino a 12 mesi.

Il risultato? Un boost alla personalità delle forme originarie, già tutt’altro che reticenti.

Ma qui siamo ancora alla tradizione, al consueto (ma nemmeno troppo). Gigi ha voluto dire qualcosa di suo, e dal Taleggio ha escogitato i Gigetti. Ha preso alcune porzioni di Taleggio, e le ha trattate come i francesi, e molti italiani, fanno coi caprini a coagulazione lattica: li ha cosparsi di erbe o bagnati con vini e spiriti. Ecco la risultanza: dei piccoli, cremosi gioielli, uno meglio dell’altro. Personalmente, chi scrive ha un debole per il Gigetto al vino rosso, d’una personalittà corposa e intensa. Tuttavia, Gigi va fiero, anzitutto, del suo Gigetto “capostipite”: quello insaporito con una dozzina di erbe e piante aromatiche. Poi c’è quello alla grappa, e quello all’Aceto Balsamico.

E non è tutto: vedendo che la cosa riusciva col Taleggio, Gigi ci ha provato poi con le formaggelle rotonde a pasta cotta. Una moglie, di solito, riceve in regalo rose e cioccolatini. A sua moglie Michela, Gigi ha donato questa serie di formaggelle, chiamandole, non sorprendentemente, Micheline. Anche queste sono affinate allo stesso modo. Da segnalare, tuttavia, una primizia: la curiosa “Michelina sbagliata”. Doveva nascere con la grappa, Gigi ci versò la Sambuca per errore. Nella storia, molti formaggi sono germinati da disattenzioni o errori umani: ci viene in mente il Gorgonzola, o almeno così vuole la tradizione. La Michelina sbagliata si insinua dunque in un sentiero già gaudiosamente battuto. Stessi “giochi” Gigi fa poi con formaggi di capre e di pecora: l’ultimo nato è bagnato nel Moscato di Scanzo, il vino bergamasco più particolare.

In ogni caso, in negozio la pacchia non è finita. Gigi, nella sua tana, stagiona i formaggi più impensati. Gli appartengono forme sapientemente maturate di Formai de Mut e di Branzi, i due più noti rampolli locali a pasta semidura. E ci sono chicche inattese. Chi mai ha provato a stagionare l’Asiago che non sia quello di monte? Gigi ha provato a stivare una gran forma di Asiago pressato, per un bell’annetto. Ne ha ottenuto un cacio di personalità inusitata, inaspettata.

1385952_625901314127337_1751175712_n

Gigetto alle erbe
Prende il nome da GIGI FORMAGGI che ha saputo miscelare sapientemente i profumi del formaggio e delle erbe. Il gigetto a la forma rettangolare a pasta cruda prodotto nelle valli bergamasche, con latte vaccino intero .L’affinamento richiede circa 60 giorni e una particolare abilità manuale durante la stagionatura. Il formaggio viene affinato con mix di erbe aromatiche e fiori, dall’aspetto verde-marrone; un sapore deciso che sprigiona un profumo di erbe aromatiche pepate 300 Gr


       10442348_753878014662999_2680643068686318342_n
Gigetto al vino rosso valcaleppio
Prende il nome da GIGI FORMAGGI che ha saputo miscelare sapientemente i profumi del formaggio e del vino rosso valcalepio. Il gigetto a la forma rettangolare a pasta cruda prodotto nelle valli bergamasche, con latte vaccino intero .L’affinamento richiede circa 60 giorni e una particolare abilità manuale durante la stagionatura. formaggio viene affinato con vino rosso di Valcalepio (Merlot e Cabernet), dall’aspetto violaceo con tonalità diverse; un sapore dolce delicato che sprigiona un profumo di vino.

 10456077_755679011149566_7362042028152611241_n
Gigetto all’ aceto balsamico
Prende il nome da GIGI FORMAGGI che ha saputo miscelare sapientemente i profumi del formaggio e dell’aceto balsamico. Il gigetto a la forma rettangolare a pasta cruda prodotto nelle valli bergamasche, con latte vaccino intero .L’affinamento richiede circa 60 giorni e una particolare abilità manuale durante la stagionatura. Il profumo inconfondibile di aceto balsamico, il sapore particolarissimo di contrasto dolce e balsamico .

10492038_753877784663022_8858193064687893495_n
La michelina al vino valcalepio rosso o grappa
Formaggio di latte vaccino della Valle Imagna. Viene fatto stagionare trattando le formaggelle di circa 300 gr, prima in vino Valcalepio rosso o grappa , lasciate asciugare per circa 20 giorni. Pasta giallognola , gusto dolcissimo,con retrogusto di vino o grappa. colore in crosta viola scuro con valcalepio e bianca con grappa

10464365_753877897996344_5295965120240524455_n
Formaggio di pecora alla birra
Formaggio di latte di pecora,messo in ammollo nella birra belga a doppio malto,lasciato asciugare e stagionare su assi in legno di pino. sapore gustoso e deciso non piccante. consistenza della pasta semi duro colore giallognolo nocciola

1462968_10200889892964891_7980148630402006287_n
Formaggio capra menta o erbe di provenza
formaggio morbido latte di capra 100 %. pezzatura gr 300 circa, morbido fresco. asciugato con foglie di menta o con erbe di provenza.gusto molto fresco. colore bianco-bianco.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...