Ascom Torino: l’amministrazione va in digitale


Carlo Alberto Carpignano e Grazia Negroni, ASCOM Confcommercio Torino e provincia: “il processo di digitalizzazione si è rivelato molto più economico del previsto e ci permette di ampliare il nostro business”

L’ente
Ascom Confcommercio Torino e provincia, con 70 anni di tradizione, è oggi una moderna Associazione di imprenditori del commercio, del turismo dei servizi e dei trasporti. L’organizzazione tutela i diritti e gli interessi reali delle imprese e annovera oltre 16.000 operatori in Torino e provincia. La notevole esperienza accumulata nel tempo e l’opera di personale qualificato permette di offrire all’associato, insieme alle società di servizi del gruppo tra cui Unaservizi s.r.l. promotrice della realizzazione del progetto, un servizio completo che comprende:

– rappresentanza sindacale e tutela politica;

– servizi qualificati di consulenza, assistenza, formazione e aggiornamento per tutte le esigenze dell’imprenditore;

I principali servizi pensati per il cliente comprendono anche:

– credito e finanziamento, contabilità, paghe e gestione del personale, servizio fiscale e legale, servizi specialistici come h.a.c.c.p. (sicurezza alimentare), sicurezza e lavoro, privacy, archiviazione sostitutiva

– convenzioni a livello nazionale e locale

Ascom è nota sul territorio per essere il punto di riferimento delle aziende già strutturate e per i giovani imprenditori che iniziano l’attività.

L’esigenza

In particolare l’esigenza riscontrata da Ascom era quella di innovare il sistema informativo e di conseguenza i servizi da proporre ai propri clienti. Strategicamente la linea individuata è stata quella di affidarsi al cloud per non immobilizzare risorse in macchine di proprietà a rapida obsolescenza. Invecchiamento destinato a tradursi in servizi inefficaci o poco competitivi. Il cloud, invece, come tale, è stato da subito considerato la scelta migliore perché scalabile, sia nella potenza sia nella erogazione di servizi aggiuntivi.

Altre richieste erano la sicurezza e la stabilità del sistema, che per questo è stato ridondato più volte anche geograficamente con i dati conservati in server protetti a Milano e Arezzo.

L’idea in breve

Clouditalia, provider italiano di servizi di telecomunicazioni e cloud computing dedicato alle PMI, si è afferma sulla concorrenza aggiudicandosi la fornitura dei servizi Ict di Ascom-Confcommercio Torino.

In particolare, per i prossimi 3 anni, Clouditalia offrirà all’Associazione il collegamento dati per 15 sedi, i servizi cloud (iaas, backup e disaster recovery), il centralino e i firewall virtuali, nonché i servizi di fonia. Attraverso questi interventi, Ascom Torino segna così un passaggio definitivo verso la digitalizzazione, sia per l’organizzazione interna, sia per l’offerta ai suoi clienti. La messa in cloud permette infatti di utilizzare gestionali molto più efficienti e permette di integrare le varie piattaforme, inserendo funzionalità aggiuntive e arrivando a definire dettagli maggiori in termini di analisi geografica (circoscrizione di Torino o tutto il Piemonte).

I vantaggi

Oltre ai ridotti costi di gestione e all’investimento – risultato inferiore a quello previsto per il rinnovo del parco macchine – la gestione in cloud offre grande flessibilità e l’opportunità di offrire nuovi servizi. Tra questi, per esempio, l’impiego di un gestionale che permette ai clienti di aprire degli spazi virtuali dai quali, in piena autonomia, i clienti possono gestire paga e contabilità senza doversi dotare di una struttura informatica. Per i clienti più piccoli c’è invece un cruscotto destinato alla contabilità su cui agire h24 senza andare dal commercialista. In ogni caso la costruzione del cloud rappresenta il primo passo per ampliare la rosa dei servizi aumentando anche la fidelizzazione. Si agirà anche su una razionalizzazione di risorse e costi interni utilizzando gli strumenti di webconference con i clienti e tra le sedi periferiche del gruppo.

Nuovi business

Implementare la nuova piattaforma e andare in cloud è stato il primo passo. Il futuro potrebbe essere quello di sviluppare un sistema che sia in grado di dialogare proattivamente con tutte le altre sedi Ascom magari anche a livello nazionale. Questo collegamento potrebbe risultare strategico, in quanto permetterebbe di realizzare una serie di analisi dati su ampia scala praticamente in tempo reale.

Questo è uno sviluppo non immediato, dal momento che ogni sede provinciale Ascom è una società a sé molto legata al territorio.

Più concretamente la prima cosa da fare è mettere a sistema e valorizzare le funzionalità che l’attuale upgrade ha aggiunto, ma che non sono ancora utilizzate pienamente. I prossimi passi saranno: offrire nuovi servizi da erogare via web, sui diversi device, nel settore paghe e contabilità e soprattutto aprire un nuovo mercato della consulenza e della comunicazione esterna attraverso l’uso di newsletter specialistiche. Un servizio non necessariamente a pagamento e che potrebbe essere sviluppato anche grazie ai dati che, con il nuovo gestionale, si riescono a gestire con molta più efficacia.
– See more at: http://www.smau.it/milano16/success_stories/ascom-torino-lamministrazione-va-in-digitale/#sthash.pSNMZ2WX.kAJMmdHb.dpuf

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...