Archivi categoria: La bruna

La bruna premiata per il suo castelmagno


Che il nostro Castelmagno DOP fosse di alto livello lo sapevamo. Ricevere una medaglia d’oro, dopo il giudizio dei tanti Maestri Assaggiatori provenienti da tutta Italia, è una gran bella soddisfazione

Raschera Dop – La bruna






Raschera

Il Raschera DOP viene realizzato con latte bovino.
Prodotto in forme tonde o quadrate, quest’ultima tipologia di formaggio risultava quella più comoda da trasportare dalle malghe d’alpeggio sino al fondovalle, quando i prodotti della montagna viaggiavano ancora tutti a dorso di mulo e potevano quindi esser impilati uno sull’altro per maggior comodità. E’ un tipico formaggio cuneese la cui stagionatura avviene in grotte di pietra provviste di salti d’acqua costanti e completamente interrate che ne garantiscono l’umidità ottimale per la maturazione, esattamente come avviene per il Castelmagno DOP.

Ingredienti:

Latte crudo vaccino, sale, caglio

Le caratteristiche

Il Raschera DOP è un formaggio con almeno un mese di stagionatura e quello dell’azienda La Bruna è di pasta cruda semigrassa e pressata. Nelle forme più fresche il sapore è fine e delicato, profumato, mentre è intenso, persistente e sapido se stagionato. La pasta, di colore bianco o avorio è piuttosto consistente, elastica, con piccolissime occhiature sparse e irregolari.

Consigli per il consumo


Apprezzato non solo come prodotto da tavola ma anche come ingrediente in cucina, è particolarmente adatto ad essere fuso, pertanto può essere impiegato per la preparazione di saporiti e cremosi risotti. Ottimo anche per essere consumato con un contorno di verdure cotte oppure tagliato a dadini nelle insalate miste, il Raschera frequentemente impiegato anche per preparare squisite fondute, vol-au-vent, torte salate, paste ripiene e come condimento per gli gnocchi di patate. Si abbina con vini bianchi più strutturati e con i rossi di medio corpo, non invecchiati e di pronta beva.

La Bruna – Castelmagno prodotto di montagna





 





Castelmagno

Formaggio nobile e fiore all’occhiello de La Bruna, il Castelmagno DOP viene prodotto seguendo fedelmente la tradizione della Valle Grana; grazie al personale controllo di tutta la filiera ed al selezionatissimo bestiame di razza Bruna Alpina l’azienda garantisce un latte vaccino di qualità superiore che trasmette al formaggio i veri sapori dei pascoli montani. La stagionatura avviene poi in grotte di pietra provviste di salti d’acqua costanti e completamente interrate che ne garantiscono l’umidità ottimale per la maturazione.

Ingredienti:

Latte crudo, sale, caglio

Le caratteristiche

La crosta non edibile è liscia, di colore giallo e con la stagionatura assume sfumature prima rossastre ed in seguito scure. La pasta, inizialmente friabile e poi compatta con il passare del tempo, è priva di occhiature, di colore bianco perla nei prodotti giovani e giallo paglierino intenso negli stagionati. Il sapore è serico e pastoso, con un buon equilibrio fra l’acido e il dolce, e con sapori di malga via via più accentuati. Passa infatti da delicato a intenso e piccante con il procedere della maturazione.

Consigli per il consumo


Il nome “Castelmagno” lega il pensiero a piatti tipici come gli gnocchi con il Castelmagno, ma da solo, viene anche gustato sopra la polenta abbrustolita, ed è stato fra i primi formaggi ad essere abbinato alle variegate note del miele, da quello della melata di quercia, al tiglio fino a quello di acacia. I vini a lui legati devono essere corposi, intensi, come un Nebbiolo o i grandi vini che da esso derivano, tipo il Barolo o il Barbaresco.